L’ultima auto a benzina!

Ed eccolo qua, finalmente!

Nonostante il titolo evocativo, il libro non tocca unicamente il tema della mobilità elettrica, ma indugia anche su quella ciclabile e sull’intermodalità, con incursioni sugli impatti ambientali dei trasporti e sul tema energetico.

In un momento storico così incentrato sul dibattito anti-diesel, non è peraltro casuale la scelta del più generico termine “benzina”, visto che sono proprio tutti i combustibili fossili a dover essere pensionati, come già argomentato.

Qua si può dare un’occhiata all’indice del libro. Invece qua è disponibile il video di una breve intervista presso il Festival della Scienza di Genova.

E a proposito di “cambiamento”…

Basta una presa!

Immaginate di soggiornare presso un appartamento di vacanza al mare e che il vostro ospite vi dia la possibilità di fare il pieno di benzina o gasolio all’auto mentre è parcheggiata. Impossibile, a meno che sia un dipendente di una raffineria che si porta a casa tutte le sere una tanica di carburante trafugato…

Tesla SC e DC ad Agosto 2018

Con un’auto elettrica invece la situazione è molto differente. Innanzitutto prima di partire per una nuova destinazione è opportuno verificare la disponibilità di punti di ricarica. Sono numerosi i siti e le app che consentono di farlo, ma naturalmente quando si tratta di postazioni di ricarica pubblica si affronta sempre qualche rischio, come il malfunzionamento o l’occupazione abusiva. Chi si muove con veicoli Tesla ha invece la vita molto più facilitata. Basta verificare di trovarsi a non più di un centinaio di km dal più vicino Supercharger, e già questo è sufficiente per starsene tranquilli. Inoltre esistono i Destination Charger, ancora più capillari, da sfruttare in caso di emergenza.

Dunque nel mio caso specifico non mi sono preoccupato di cercare una sistemazione dotata di ricarica, né di chiederlo preventivamente all’ospite. Ma talvolta succedono cose inaspettate, e nella nostra chiacchierata di benvenuto è venuto fuori il discorso dell’auto elettrica e lui si è subito illuminato, dicendo che già oggi ha una presa Schuko vicino al posto auto e avrebbe l’idea di installare una colonnina in vista della prossima stagione turistica. Mi ha dunque invitato a collegare l’auto, per fare qualche verifica sul tipo di presa, sugli assorbimenti e sui consumi.

Ecco, questa storia insegna che l’utilizzo del vettore elettrico in luogo di quello fossile (liquido o gassoso che sia) apre la strada a tantissime opportunità di ricarica, che possono ampiamente compensare le fisiologica scarsità delle colonnine pubbliche (se confrontare con il numero di distributori di carburanti).

Appunto, basta una presa!

PS: è importante ricordare che l’utilizzo di una presa comune per ricaricare un’auto elettrica può comportare dei rischi, se fatto senza cautele. Nello specifico, i veicoli più avanzati consentono di regolare la potenza assorbita, abbassandola anche fino a soli 5-6 Ampere (che corrispondono a poco più di 1 kW). In alternativa esistono cavi di ricarica che fanno la stessa cosa. In queste condizioni non vi è alcun rischio per l’impianto, e si può anche lasciare in carica tutta la notte, ritrovandosi un discreto riempimento della batteria al mattino

Al capolinea

Stupisce constatare la leggerezza e disinvoltura di chi ancora oggi, nel 2018, si accinge ad acquistare un nuovo veicolo alimentato a combustibili fossili. Non fosse altro che per lo spauracchio di probabili limitazioni sempre più stringenti al loro utilizzo negli anni a venire (non solo all’estero, ma anche a Milano, come dichiarato dal Sindaco Sala).

La tecnologia fossile è ormai giunta al capolinea, come i vari scandali sulle emissioni hanno ampiamente dimostrato, e come argomenterò nel dettaglio nel mio prossimo libro di imminente pubblicazione.

Ma è interessante osservare le strategie di chi da questa situazione ha solo da perdere, ovvero buona parte dei costruttori tradizionali di veicoli, ma anche (e soprattutto) tutta la filiera che ci sta a monte.

Dalli al diesel! Si sarà notato come si tenda a mettere nel mirino unicamente questo tipo di alimentazione, come se da un veicolo a benzina uscissero rose e fiori. Le differenze tra le emissioni dalle diverse tipologie di alimentazione sono tutto sommato modeste, ed inoltre per alcuni inquinanti il diesel emette effettivamente di più, per altri emette di più il benzina. Mettere alla berlina il diesel significa quindi spostare gli acquisti verso la benzina, e dunque continuare a non dare fastidio (o a darne poco) alla filiera petrolifera.

Chi invece cerca di prendere di punta la questione fa osservare (giustamente) come lo spostamento dal diesel al benzina abbia effetti deleteri per quanto riguarda le emissioni di gas serra. Sappiamo infatti che il motore diesel è più efficiente, dunque consuma meno e di conseguenza emette meno CO2.

Fattori di emissione medi da traffico in Lombardia nel 2014 per autoveicoli in aree urbane (Fonte: INEMAR ARPA LOMBARDIA)

Questo conferma ancora una volta come non si tratti di una questione di messa al bando del diesel, ma dei combustibili fossili in generale. Ah, anche il metano è un combustibile fossile, con buona pace di chi pensa di mettersi la coscienza a posto in questo modo…

È complicato

È complicato. È molto complicato. Questo ci ripetono le persone che lavorano in Libano da anni. È vero, è complicato capire fino in fondo le dinamiche di questo Paese che ci è stato descritto come il paese dell’illegalità, dove il terzo figlio maschio è di Hezbollah ovvero diventerà un militare, ma non per una legge dello Stato ma per una molto più forte e radicata, quella sociale. Il Paese dove le famiglie hanno in casa una ragazza scelta a catalogo in agenzia e fatta arrivare dal Sudan, dall’Etiopia o dalle Filippine a seconda dello stato sociale della famiglia, che all’arrivo viene privata di passaporto per due anni e in taluni casi viene trattata alla stregua di una serva tanto che talvolta per disperazione si suicida o scappa finendo in giri di sfruttamento ancora peggiori. Tuttavia è anche il paese di centinaia di volontari che lavorano per associazioni locali che si prodigano a favore degli sfollati e delle vittime di violenza ed emarginazione, per provare a cambiare qualcosa, una goccia nel mare forse, ma il cambiamento comincia anche così.

Dopo due giorni a Tiro partiamo per raggiungere Bekaa una località situata nella valle parallela alla costa tra la prima e la seconda quinta di montagne dietro Beirut. Ripassiamo da Sidone ma nelle vie principali e finalmente scorgo splendide rovine di roccaforti che si protendono in mare. Un pellicano, che pareva una statua tanto era immobile, dritto in piedi su un copertone esausto accanto a un banco del pesce, d’un tratto spalanca l’enorme becco forse a reclamare una razione di pesce. Percorriamo il viale attorniati da ambo i lati dalle bandiere gialle di Hezbollah, perché il sud del paese è quello più povero e di prevalenza sunnita. Poco prima di arrivare a Beirut iniziamo a salire verso il colle che ci porterà nella valle di Bekaa. Queste erano le montagne dove crescevano i cedri, ormai confinati in piccole riserve protette, e tra queste c’è il Sannin, un monte venerato in passato dai libanesi. Queste montagne hanno dato il nome al paese stesso (laban significa latte e richiama il colore delle vette innevate) e per quanto spogliate e scavate per esser depredate delle loro ricchezze, hanno ancora un fascino particolare. Hanno il colore della terra arsa dal sole dove il caldo è secco e il cielo è terso. Mentre saliamo, sotto appare evidente la cappa dell’inquinamento che opprime Beirut. Le case che incontriamo sono coperte di pietra e questo le rende meglio inserite nel paesaggio sebbene non vi sia sicuramente un piano di sviluppo edilizio. Gli edifici non sono ammassati e non si vedono in giro montagne di rifiuti, ma si scorgono in lontananza i fumi dei fuochi delle discariche abusive. Ci fermiamo per una sosta lungo la strada a doppia corsia, dove un uomo in un furgone ci prepara un caffè. Pochi minuti e si riparte. Passato il colle e qualche posto di blocco, iniziamo la rapida discesa verso la valle verdeggiante e in breve arriviamo a destinazione. Il posto è un impianto di separazione del rifiuto, esempio virtuoso e fiore all’occhiello dell’area, forse dell’intero Paese.

Accanto all’impianto ci sono vigneti coltivati dai rifugiati siriani che vivono nei campi profughi adiacenti. Dei siriani bisogna sapere che sono circa 1 milione (ovvero un quarto della popolazione in Libano) e che da otto anni vivono in condizioni disumane in attesa di rientrare in patria. Ci sono persone che, arrivate da bambini, si sono trovate adulte senza aver avuto accesso ad istruzione, cure, servizi di base, lavoro e sono privi di una dignità sociale. I genitori sono privati del loro ruolo genitoriale, inermi nel veder crescere i propri figli senza poter far nulla per garantire loro qualche prospettiva futura, se non quella del miraggio del ritorno, chissà dove e chissà quando.

Facciamo i saluti di rito ed entriamo a visitare l’impianto. Subito ci raccontano qual è la situazione dei rifiuti in Libano: il rifiuto è per lo più indifferenziato, la gente non ha interesse a produrne meno e nemmeno a separarlo, montagne di immondizia vengono gettate in discariche abusive o in mare perché ormai queste sono piene e un po’ dovunque si vedono i fumi dei rifiuti che bruciano. Certamente è necessario iniziare sin da subito una campagna di educazione della popolazione e nelle scuole, attraverso pubblicità, laboratori ed eventi che spieghino come ridurre e separare. Si deve ragionare su leggi che permettano di ridurre gli imballi, prevenire il littering, favorire la nascita di impianti in grado di riciclare i materiali e magari in dieci-quindici anni la situazione sarà davvero migliorata. Intanto però bisogna gestire un’emergenza e non sono sicura che impianti come quello di Bekaa, sebbene un’eccellenza ed esempio di best practices sia la soluzione. Almeno per quello che ho visto.

Camion di rifiuti indifferenziati entrano in un capannone dove riversano il carico che viene prelevato da ruspe e caricato dentro macchinari che rompono i sacchetti, fanno una prima grossolana separazione del materiale e riversano il resto in nastri trasportatori. Manualmente uomini e donne separano i diversi materiali. Il materiale riciclabile viene portato in un piazzale esterno, compattato e rimane in attesa di esser prelevato (se non prende fuoco nel frattempo). La parte non riciclabile viene messa nella discarica adiacente e secondo le migliori pratiche viene ricircolato il percolato per produrre ancora più biogas. Forse, perché su questo punto c’erano dei dubbi.E’ impossibile ritenere tale impianto una soluzione “pulita” per la gestione dei rifiuti dopo esserci entrati. Dopo 40 minuti circa io (e non solo io) non ne potevo davvero più. La sensazione era opprimente, la puzza in alcune zone nauseante (sebbene questo impianto sia tutto sommato ben gestito) e passare la giornata a rovistare nell’immondizia è a mio avviso una condanna. In questo luogo i lavoratori erano siriani, per la maggioranza donne, sebbene i rifugiati non potrebbero lavorare. Il motivo è che nessuno vuole lavorare lì, dove solo la rassegnazione ti può portare. Ed è proprio rassegnazione quella che ho visto in una ragazza che per un attimo ha incrociato il suo sguardo con il mio. Circa il beneficio va detto che solo piccoli volumi di materiale riciclabile riescono ad essere separati, mentre il resto va in discarica a occupare suolo e produrre biogas che attualmente non viene utilizzato. La dispersione nell’ambiente del gas in eccesso causa peraltro un danno importante, essendo tale prodotto ad elevato effetto serra. Guardando dall’alto la coltre delle emissioni degli autoveicoli e delle centrali a petrolio su Beirut (ma forse anche in Pianura Padana) mi chiedo infine quanta preoccupazione in più possa destare un termovalorizzatore la cui emissione si ripercuote peraltro in modo infinitesimale su tutti e non in modo spaventoso solo su pochi emarginati. Chissà se chi preferisce queste tecnologie andrebbe mai a lavorare in questi impianti o manderebbe i propri figli.

Tiro

Lasciamo Beirut alla volta di Tiro. L’aspettativa è alta: descritta da tutti come affascinante e piacevole meta turistica, Tiro è la culla della civiltà fenicia e dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Tiro, Biblo e Sidone tre nomi che mi echeggiano nella testa come una promessa.

Uscire da Beirut non è stato semplice nell’ora di punta. A questo disordine ci si abitua rapidamente però e in breve pare quasi normale, se non sei l’autista ovviamente. Ad un tratto tutto si blocca perché un camion non passava sotto un ponte stradale. Il mezzo si ferma, due uomini salgono a 4-5 m in cima al carico e iniziano a smontarlo per raggiungere l’altezza che permettesse di passare. In qualche modo il fiume in piena di auto adatta la sua traiettoria intorno all’ostacolo e si riprende il moto.

Il paesaggio di periferia è ancora più desolante e povero e i rifiuti sono dovunque. Ancora posti di blocco, militari, filo spinato e si intravedono alcune canne di carri armati parzialmente nascoste dalla vegetazione di un alveo fluviale. La strada ora serpeggia lungo la costa dove i rifiuti vengono gettati in mare perché i comuni non sanno più dove metterli. D’un tratto appare Sidone. Cerco avidamente di scorgere i segni dell’antico splendore, ma nulla,  quello che vedo pare un castello di sabbia preso a calci da un bambino. Rapidamente Sidone passa e io penso: certamente Tiro sarà differente.

Il percorso si snoda in mezzo a distese di bananeti e finalmente raggiungiamo Tiro. Lasciamo i bagagli alla foresteria al decimo piano di un edificio dal quale si scorgono i resti dell’ippodromo romano (ora coperti dai palchi preparati per il festival), le spiagge e in fondo quelli che in Libano chiamano i territori occupati della Palestina, ovvero Israele, un nome che è meglio non pronunciare in pubblico da queste parti.

Alla sera usciamo a fare un giro a Tiro alla spasmodica ricerca della sua identità, quella dei navigatori che fondarono Cartagine. Immediatamente ci troviamo in mezzo al caos delle macchine, dei motorini e delle musiche arabe che escono a tutto volume dai finestrini delle auto di coloro che non vogliono passare inosservati. L’odore di gas di scarico è pungente e a tratti si mescola alla puzza acre dei rifiuti che si decompongono al sole. L’immondizia è un po’ dovunque e i minareti paiono braccia che cercano di elevare il canto della preghiera più in alto, più vicino a Dio, certamente piú lontano dai rifiuti e dal caos.

I palazzi del  lungomare sono belli e moderni ma basta andare poco oltre per trovare case fatiscenti.Sulla spiaggia al tramonto gruppi di donne arabe fumano il narghilè sedute con i loro lunghi abiti adagiati come corolle sulla sabbia e i bambini giocano a rincorrersi con le onde sul bagnasciuga. E finalmente eccola l’antica Tiro. Soffocata alle spalle dalla città impertinente, stava adagiata sulla spiaggia rivolta verso il mare che le aveva dato un tempo ricchezza e prosperità, in un tramonto meravigliosamente immutato da migliaia di anni.

Beirut

Più volte ho sentito i miei figli ripetere la lezione di storia sui fenici: Tiro, Sidone e Biblo erano splendide città dove gli artigiani inventarono la porpora e da cui commercianti e avventurieri partirono a bordo delle navi di cedro, simbolo del Libano, per esplorare il Mediterraneo e fondare grandi colonie come Cartagine.

Finalmente arriva l’occasione di visitare il Libano e pochi giorni fa io e Mario atterriamo a Beirut. Lo spettacolo appare desolante, caotico e contraddittorio. Palazzi crivellati di colpi, fatiscenti e talvolta parzialmente crollati sono tutt’ora abitati e si alternano a edifici moderni e lussuosi. Lungo le vie sono numerose le postazioni militari e il filo spinato corre lungo quasi tutti i muri. Habibi, habibi si ripetono con sorrisi e stringendosi la mano, ma appena salgono in macchina non esistono più regole se non una: è meglio non reagire a nulla perché i più sono armati e potrebbero sparare. I minareti sfilano veloci dal finestrino e il richiamo alla preghiera si diffonde nell’aria tra le croci delle chiese adiacenti alle moschee. Le donne velate con abiti lunghi e scuri muovono un passo affrettato accanto a ragazze in jeans e maglietta che camminano distrattamente mandando messaggi al cellulare. I motorini guidati da bambini seduti davanti ad uno o due adulti, sfrecciano in tutte le direzioni tra le auto clacsonanti. Nessuno ha il casco o la cintura e talvolta negli incroci soffocati dal traffico, ci sono vigili dei quali ci si accorge solo dopo che si è passati: lui si lamenta, l’autista sorride, habibi, habibi… ed è già il turno del trasgressore successivo, senza che nessuno si sia fermato o abbia dato la precedenza.

Beirut appare come una polveriera: innocua senza una scintilla, esplosiva se la inneschi. Un apparente, fragile equilibrio che nessuno osa toccare.

Nuoce gravemente alla salute!

Le rocambolesche rivelazioni degli ultimi giorni circa l’ennesimo scandalo che coinvolge case automobilistiche tradizionali mostrano una inquietante somiglianza con l’epopea dell’industria del tabacco.

Si fa effettivamente una certa fatica a credere che davvero si volesse verificare l’effetto cronico degli inquinanti supposti cancerogeni con esperimenti di esposizione di breve durata. Ma soprattutto ci si chiede a che pro scomodare dei poveri macachi, che avrebbero preferito rimanere nelle loro pozze calde nelle Alpi giapponesi, quando l’effetto dell’esposizione continua ai gas di scarico dei veicoli può essere verificato su tutti gli abitanti di qualsiasi centro urbano.

Fatto sta che le case automobilistiche convenzionali stanno evidentemente realizzando di essere con le spalle al muro sul tema ambientale, e quindi iniziano a ricorrere alle strategie appunto già viste in questi casi: la pressione lobbistica sulla politica (spalleggiati da frau Merkel), il tentativo di negare o minimizzare il problema (la vicenda macachi), fino alla truffa (il dieselgate).

Visto che ormai il Re è nudo, è probabilmente giunto il momento di arrendersi e imporre ai veicoli fossili scritte analoghe a quelle dei pacchetti di sigarette, visto che anche qua si pone un pesante problema di esposizione al fumo passivo.

The Earth as a habitat being poisoned by pollution (symbolised by car exhaust fumes)

In questo quadro desolante e disgustoso si intravvede una luce in fondo al tunnel, ancora piccolina ma in grande sviluppo. E tutte queste misere vicende non fanno che aumentare il divario già immenso tra la creatura di Elon Musk e i dinosauri fossili. Come già anticipavo qua.

A volte ritornano

Da viaggiatore cerco di applicare la regola generale di non ritornare in luoghi già visitati, ma ci sono delle eccezioni. Kyoto in particolare è una città magnetica, dove torneresti un sacco di volte per mille motivi. Professionali, per vedere quanto continuano a migliorare sul tema della gestione dei rifiuti (ne parlo qua), sociali, per farsi crogiolare dalla proverbiale ospitalità dei Giapponesi, culturali, per continuare l’esplorazione dei mille templi e santuari che non finiscono mai. Ma anche per ritrovare alcune certezze, come quel buffet all-you-can-eat a chilometro zero, che tante soddisfazioni ci diede nell’estate del 2014.

E in ogni caso di motivi per ritornare in Giappone ne avevamo già parlato a suo tempo: Tokyo e il Monte Fuji. L’esplorazione di Tokyo effettivamente procede, poco alla volta. Invece per il Fuji, diciamo che ci stiamo ancora lavorando…

I motivi di una scelta

Scrivo questo post soprattutto come promemoria, per ricostruire e ricordare i passaggi e i ragionamenti che mi hanno portato fino a dove mi trovo oggi. La conclusione, che anticipo, è che ritengo di essere parte di una generazione di passaggio, che così come ha beneficiato al massimo del benessere associato all’ampia disponibilità di energia a basso costo, ha il dovere etico di capitalizzare questo vantaggio e investire al massimo verso il cambiamento. Verso la transizione completa alle fonti di energia rinnovabili.

Correva l’anno 2008, credo, nel pieno di un’ondata di calore estiva, e rientrando a casa dal lavoro (ai tempi in moto) iniziai a ragionare sul perchè non si riuscisse a sfruttare in qualche modo tutta quell’enorme quantità di energia disponibile gratuitamente. E soprattutto sull’assurdità di bruciare petrolio per muoversi, a maggior ragione durante quelle condizioni meteorologiche (girare in moto nel pieno di un’ondata di caldo è molto disagevole, decisamente peggio che farlo sotto la pioggia). Considerazioni quindi legate alle emissioni di inquinanti atmosferici e all’inefficienza di utilizzo dell’energia.

Il primo atto è stato quello di installare un impiantino fotovoltaico, ai tempi ancora molto caro, individuando quindi una formula che consentisse un esborso contenuto. E contemporaneamente iniziare a muoversi sistematicamente in bicicletta per Milano, con l’acquisto della bicicletta pieghevole. Entrambi questi investimenti risalgono dunque all’autunno 2009. Inizia parallelamente l’interesse per le automobili elettriche, da poter ricaricare prevalentemente con l’eccesso di energia fotovoltaica, ma a quei tempi il quadro era ancora desolante. Modelli annunciati, poi posticipati, prezzi fuori mercato (ricordo ad esempio la lunga attesa per la Zoe, che a ripensarci adesso non sarebbe nulla di nuovo…)

Nello stesso anno, 2009, avveniva l’acquisto di una nuova vettura, che a questo punto sarà l’ultima a combustibile fossile, con la ripromessa che almeno la seconda auto di famiglia avrebbe dovuto essere realmente innovativa, non più fossile.

La svolta arriva nel giugno 2013, con la prima Leaf acquistata come una scommessa, ma che diventerà ben presto la prima auto di famiglia in quanto a chilometri percorsi. Alla fine dello stesso anno arriva l’ampliamento del fotovoltaico, visto che 2 kW sono un po’ pochi per ricaricare l’auto. A costi molto più bassi rispetto a soli 4 anni prima, e con una bella detrazione fiscale di cui beneficio ancora oggi.

E siamo al 2016, con la maturità per affrontare l’ultimo salto, la liberazione completa dal motore termico. La nuova Leaf da 30 kWh lo consente, o meglio lo consentirebbe in un Paese con un minimo di infrastruttura di ricarica rapida, cosa che ahimè in Italia stiamo però ancora aspettando. Dunque per fare davvero sul serio esiste una sola possibilità. Questa volta il passo è veramente azzardato, e si compie esattamente il 30 Dicembre 2016. Ma dopo 20.000 km percorsi in sei mesi con il massimo delle soddisfazioni, sono convinto che anche questa è stata una scelta che nel medio-lungo termine pagherà. E che spero, nel mio piccolissimo, rappresenti un ulteriore contributo verso un mondo migliore.

Cieli azzurri, churrasco e… bicicletta

Brasilia è uno di quei posti dove probabilmente non ci andresti mai di proposito, ma nei quali ti ci imbatti per un impegno di lavoro. Sarebbe meglio non arrivarci proprio nella giornata di disordini associati al caos politico del paese, ma in ogni caso la calma e tranquillità brasiliane si sono ripristinate molto velocemente.


Città futuristica a forma di aereo, inventata dal nulla negli anni ’50 e inaugurata nel 1960, su un altopiano a 1000 m nel centro del Brasile dove è stato anche creato per l’occasione un grande e bellissimo lago artificiale che la contorna. Architetture esuberanti e bianchissime, grandi spazi, strade enormi e dunque inevitabilmente poco intasate dal traffico, che rimane scorrevole. Ma nessuna attenzione per pedoni e soprattutto ciclisti, in un periodo storico dove la prosperità portata dalla disponibilità di petrolio a buon mercato e dall’automobile per tutti aveva accecato anche urbanisti e pianificatori. Neppure luoghi di aggregazione, ma anzi una logica di suddivisione delle differenti attività in zone ben specifiche, che obbliga a muoversi sempre con l’auto per qualsiasi esigenza.

Ora un timido servizio di bike-sharing e qualche percorso ciclabile permettono anche qua di esplorare questi enormi spazi in bicicletta, respirando un’aria molto più pulita che nelle nostre città, ma facendo attenzione al sole che, anche in inverno, ti abbrustolisce facilmente.

 

E’ in definitiva un luogo dove i brasiliani ricchi se la godono, ma dove comunque si può anche finire in una festicciola tipicamente sudamericana all’interno di una pseudo-favela…