Recent Posts

Basta una presa!

Immaginate di soggiornare presso un appartamento di vacanza al mare e che il vostro ospite vi dia la possibilità di fare il pieno di benzina o gasolio all’auto mentre è parcheggiata. Impossibile, a meno che sia un dipendente di una raffineria che si porta a casa tutte le sere una tanica di carburante trafugato…

Tesla SC e DC ad Agosto 2018

Con un’auto elettrica invece la situazione è molto differente. Innanzitutto prima di partire per una nuova destinazione è opportuno verificare la disponibilità di punti di ricarica. Sono numerosi i siti e le app che consentono di farlo, ma naturalmente quando si tratta di postazioni di ricarica pubblica si affronta sempre qualche rischio, come il malfunzionamento o l’occupazione abusiva. Chi si muove con veicoli Tesla ha invece la vita molto più facilitata. Basta verificare di trovarsi a non più di un centinaio di km dal più vicino Supercharger, e già questo è sufficiente per starsene tranquilli. Inoltre esistono i Destination Charger, ancora più capillari, da sfruttare in caso di emergenza.

Dunque nel mio caso specifico non mi sono preoccupato di cercare una sistemazione dotata di ricarica, né di chiederlo preventivamente all’ospite. Ma talvolta succedono cose inaspettate, e nella nostra chiacchierata di benvenuto è venuto fuori il discorso dell’auto elettrica e lui si è subito illuminato, dicendo che già oggi ha una presa Schuko vicino al posto auto e avrebbe l’idea di installare una colonnina in vista della prossima stagione turistica. Mi ha dunque invitato a collegare l’auto, per fare qualche verifica sul tipo di presa, sugli assorbimenti e sui consumi.

Ecco, questa storia insegna che l’utilizzo del vettore elettrico in luogo di quello fossile (liquido o gassoso che sia) apre la strada a tantissime opportunità di ricarica, che possono ampiamente compensare le fisiologica scarsità delle colonnine pubbliche (se confrontare con il numero di distributori di carburanti).

Appunto, basta una presa!

PS: è importante ricordare che l’utilizzo di una presa comune per ricaricare un’auto elettrica può comportare dei rischi, se fatto senza cautele. Nello specifico, i veicoli più avanzati consentono di regolare la potenza assorbita, abbassandola anche fino a soli 5-6 Ampere (che corrispondono a poco più di 1 kW). In alternativa esistono cavi di ricarica che fanno la stessa cosa. In queste condizioni non vi è alcun rischio per l’impianto, e si può anche lasciare in carica tutta la notte, ritrovandosi un discreto riempimento della batteria al mattino

  1. Al capolinea Leave a reply
  2. È complicato 1 Reply
  3. Tiro Leave a reply
  4. Beirut Leave a reply
  5. Nuoce gravemente alla salute! Leave a reply
  6. A volte ritornano Leave a reply
  7. I motivi di una scelta 1 Reply
  8. Cieli azzurri, churrasco e… bicicletta 1 Reply
  9. Misurazione delle emissioni dei veicoli elettrici Leave a reply